Mentoring

Johanna Muster, mentee di Swiss TecLadies: "Puoi farcela - quindi fallo e vai il più lontano possibile!".

Johanna Muster di Neuchâtel ha sempre saputo che un giorno avrebbe pilotato un jet. Ma se vuoi volare in alto, hai bisogno di un terreno per decollare: nel 2024, completerà la sua formazione come viticoltrice AFC. Johanna deve ringraziare Laetitia Progin, tecnica di veicoli e metodi presso l'azienda di trasporto pubblico regionale TRAVYS e mentore di Swiss TecLadies, per averle permesso di realizzare il suo sogno di volare. Swiss TecLadies, il programma di mentoring della SATW che le ha fatte incontrare, si è rivelato un trampolino di lancio per Johanna.

Johanna, sei al terzo anno di apprendistato per diventare viticoltrice AFC e hai i piedi per terra, o meglio nel vigneto. Di recente hai completato il programma di formazione SPHAIR (come aspirante pilota delle Forze aeree svizzere) e hai preso il volo. Come si conciliano queste due passioni?

Johanna Muster (JM): L'aviazione è sempre stata la mia passione. Già da piccola volevo farlo. I miei genitori mi hanno raccontato che a 10 anni, in occasione dell'Air14 (salone internazionale dell'aria di Payerne, 2014), ho detto alla gente che tra 10 anni avrei volato anch'io lassù. E ora l'ho realizzato. Il mio sogno di diventare pilota non ha mai smesso di esistere, ma ci sono state anche delle turbolenze. Ero una buona studentessa, una pianista e una calciatrice. Ciononostante, al liceo rischiavo di perdere il filo del discorso. Non ero nel posto giusto. Ero demotivata, dubitavo delle mie capacità e alla fine ho deciso di fare l'enologa perché amo le cose concrete.

Questo ovviamente l'ha rimessa in piedi. Poco tempo dopo, nel 2020/21, ha fatto domanda per il programma di mentoring Swiss TecLadies: come è nata?

JM: Sapevo di volere di più, ma come? Quando ho sentito parlare del progetto di mentoring di Swiss TecLadies, ho capito che era la cosa giusta per perseguire i miei obiettivi più alti, tra cui il volo.  La mia mentore Laetitia Progin mi ha incoraggiato a provare con SPHAIR. Mi ha insegnato a non arrendermi mai e a lottare per i miei obiettivi.  Nell'aviazione si deve comunque lottare per quasi tutto. Bisogna lottare per ottenere il proprio posto. Ma la battaglia più grande è dentro di noi. È sempre una sfida mentale. Qualunque cosa facciamo, dobbiamo sempre spingerci al limite se vogliamo davvero ottenere qualcosa.

Laetitia, lei è una tecnica di veicoli e metodi presso l'azienda di trasporto pubblico regionale TRAVYS. Perché è una mentore di Swiss TecLadies? Quali sono le sue convinzioni e quali consigli ha per le giovani ragazze interessate alle professioni MINT?

Laetitia Progin (LP): Sono una mentore per trasmettere e condividere le mie esperienze, è un po' come essere una sorella maggiore. È il mio modo di dimostrare che è possibile acquisire fiducia in sé stesse. Ad ogni generazione, sempre più ragazze lavorano in professioni tecniche. Il mio motto è: tentare la fortuna dando a sé stesse l'opportunità di non avere rimpianti. Questo mi ha permesso di essere più coraggiosa e persistente. Perché se ti piace qualcosa, qualunque essa sia, allora devi farla!

Il mio consiglio è di essere curiose: informatevi sui settori che vi interessano, chiedete informazioni sugli stage, visitate le fiere sulle professioni. Ma siate anche coraggiose: ampliate la vostra rete per incontrare ragazze interessate alle professioni MINT e mantenete le reti sociali per essere "circondate" da altre ragazze. Per la mia generazione, ci sono voluti molti sforzi per costruire una buona rete di contatti rispetto a oggi.

Johanna, come hai vissuto il programma di mentoring? Quali sono stati i punti salienti per te e cosa hai imparato dal programma?

JM: Il mio programma di mentoring si è svolto esattamente durante il Covid. Si potevano organizzare solo pochi eventi, la maggior parte erano online. È stato un peccato, perché noi mentee non abbiamo potuto incontrarci così spesso come avremmo voluto. Sono stata molto fortunata a incontrare la mia mentore Laetitia Progin. È stato un incontro perfetto. Laetitia mi ha mostrato come riconoscere i fattori che influenzano il raggiungimento dei miei obiettivi, come mantenere una visione d'insieme dei processi e come esplorare continuamente il mio campo d'azione. Il punto culminante della mia esperienza è stato il legame che tutte noi giovani (e meno giovani) donne abbiamo tra di noi. Abbiamo tutte un interesse comune ed è molto istruttivo poter discutere con qualcuno che ha le stesse passioni. Il settore MINT è strettamente legato all'aviazione militare, quindi sapevo già molto su questo campo. In effetti, le donne stanno facendo molto nel settore MINT e questo è molto bello.

Come ha vissuto l'esperienza con Laetitia, cosa ti ha dato?

JM: Laetitia è stata davvero un ottima mentore. È una persona molto aperta e mi ha insegnato molte cose, non solo sulla tecnologia ma anche sulla vita, e credo che questo sia molto importante. Grazie a Laetitia ho capito che c'è sempre una soluzione a un problema. È una donna stimolante che dona molto alle persone che la circondano. È solare e allegra, ha sempre il sorriso sulle labbra e ogni volta che ci incontriamo sono felice che siamo rimaste in contatto.

Ho deciso di partecipare alla SPHAIR con lei perché volevo vedere quali fossero le mie capacità. Ho avuto anche grandi modelli di riferimento, come Fanny Chollet, la prima donna svizzera pilota di caccia F/A-18. È stata una grande sorpresa per me quando ho superato l'esame di pilotaggio. Il messaggio per me è stato molto chiaro: puoi farcela, quindi fallo e vai il più lontano possibile!

Laetitia, cosa serve perché più giovani donne entrino nelle professioni MINT?

LP: Programmi come Swiss TecLadies sono adatti a promuovere le giovani ragazze. Tuttavia, è molto difficile abbattere gli stereotipi. Per questo motivo, sono poche le ragazze che entrano nel settore tecnologico. Per attirarle, dobbiamo fare più pubblicità, ma sta diventando sempre più difficile. Le ragazze devono credere nei loro sogni e darsi da fare. Tuttavia, non importa quello che pensano gli altri. Quindi, ragazze, dateci dentro e non guardatevi (quasi) mai indietro!

Cosa è successo dopo il programma di mentoring? Come vedi il tuo futuro, Johanna?

JM: Ho frequentato due settimane di Accademia di volo a Colombier (aeroporto di Neuchâtel) nel luglio 2022 e ho completato lo SPHAIR nel luglio 2023. Mi è stata raccomandata senza riserve la carriera di pilota militare. L'anno prossimo conseguirò la maturità professionale e poi mi arruolerò nell'esercito. Se possibile, vorreioglio diventare una pilota militare. È il mio obiettivo principale. Tuttavia, l'opzione di diventare una pilota civile rimane aperta per ogni evenienza.

Spero che la mia storia possa ispirare altre ragazze come me. In modo che possano immaginare che tutto è possibile se lo si vuole. A volte i miracoli richiedono un po' più di tempo. Ma arriveranno, se ci mettiamo in gioco e li perseguiamo con passione, dedizione, coraggio e perseveranza.

Sportech Tenero 2025
Agenda

22.01.25

Sportech Tenero 2025

The Swiss TecLadies Network invites you to celebrate women in STEM
Agenda

27.09.24

The Swiss TecLadies Network invites you to celebrate women in STEM

#wetechtogether conference 2024
Agenda

27.09.24

#wetechtogether conference 2024